Festa San Placido 2018 

 

Sono sempre ammirato da quelle comunità cristiane, che ho la fortuna di frequentare, per la scelta che fanno di condividere momenti di spiritualità interessanti e soprattutto formativi. Montecarotto è una di queste ammirevoli parrocchie. È la seconda volta che animo la settimana dedicata al patrono S. Placido. Per questo innanzitutto ringrazio Don Venish, il parroco, e tutti per l’accoglienza e la stima. Insieme abbiamo aperto le pagine dell’Esortazione Apostolica “Guadete et exultate” di Papa Francesco che propone messaggi sul dono della ‘Santità’.  Questa ‘parola’ la sentiamo lontana da noi e come una ‘mission impossible’. Non è così. E’ un dono ‘alla portata di tutti’. Da vivere nel quotidiano con gesti semplici ed efficaci che realizzano il ‘progetto cristiano’ nella storia di tutti, crescendo i valori, migliorando noi persone e      costruendo oggi la società e civiltà dell’amore.

È il seme della Santità di Dio, donatoci nel Battesimo, che non deve marcire in noi, ma svilupparsi e crescere per divenire quell’albero da cui tutti cogliamo i frutti più belli e utili per la vita.  La Santità che cresce in noi non è un dono esclusivo per se stessi, deve essere condivisa nella comunità e con tutti. È come quel buon ‘profumo di Cristo’ che si respira tra noi e attira, affascinando, tante persone a Gesù, perché stanche di respirare la ‘puzza’ delle cose umane, che spesso illudono e disgregano. Al termine di questi giorni ognuno assapori ciò che lo Spirito ha scritto nei cuori attraverso la preghiera, l’ascolto, le celebrazioni. Il santo patrono Placido e i Santi di cui portiamo il nome siano, con la loro testimonianza, esempi fattivi di quella fede che, dalla speranza, si trasforma in carità verso tutti. Ringraziamo il Signore anche perché scrive oggi nella nostra comunità piccole storie di santità in persone che fanno tanto bene e sono impegnate come cristiani veri in famiglia, in parrocchia e nella nostra società. Guardiamo negli altri il positivo che c’è, perché solo il bene è contagioso per un bene in più. Dopo la festa ci attende la normalità della vita di ogni giorno. La nostra esperienza di vivere insieme sia arricchita nella capacità di ‘non perdere mai la speranza della Santità’.

 

Programma 

 

GREST 2018 

 

 

 

«Venite, mangiate il mio pane, bevete il vino che io ho preparato. 
Abbandonate l’inesperienza e vivrete,
andate diritti per la via dell’intelligenza».

 

******************************

 

La Comunità parrocchiale porge a tutti

i più cordiali e fraterni auguri

Parrocchia in festa:

hanno ricevuto la Prima Comunione.

.

******
111111
 
 
 ******************************  

 

     
1
         
******************************1

 

   Alleniamoci ad essere obbedienti allo spirito,

nelle piccole cose di tutti giorni,è la strada della santità.

Gesù ci dà la capacità di vivere in modo grande, in modo santo.

La santità è proprio la caratteristica del Signore

Per grazia, ci viene data la figliolanza,

essere come il Signore,essere santi come lui.

Viviamola questa capacità,

è facile essere santi.

 1

"Non più schiavi, ma fratelli"

1
 

1 1 1 1 1 1

 

1

 

Tutta la nostra vita è segnata dall'Ascolto della parola di Dio.

sono tre gradini importanti a vivere la parola

LEGGERLA

                 CAPIRLA

                               VIVERLA.

ogni domenica la chiesa ci ha sempre insegnato a leggere e ascoltare la scrittura. leggerla personalemnte a casa è una strada ma bisogna capirla e per capire bisogna farsi aiutare. Ogni Lunidì ore 21.15 Presso i locali parrochiali...

 

 

 

1